Creatori di GustoVedute

La resistenza contadina

La resistenza contadina è la filosofia dell’azienda “La Sbecciatrice”.

Lino e Mimmo Barbiero, per raccontarla, hanno dedicato uno spazio sul sito dal nome “I quaderni della resistenza contadina”  che descrive il loro lavoro, le persone che ne fanno parte, le tradizioni, la ricerca, il recupero dei semi antichi autoctoni, la biodiversità e tanto altro.

“Questo spazio è un luogo dove trovare semplici esseri umani, che si meravigliano della bellezza di uno spazio aperto e libero, per la bontà esplosiva di un boccone a un pomodoro appena colto” dal sito  dell’azienda  La Sbecciatrice

Nel termine resistenza contadina è racchiuso il senso dell’azienda. Resistere sul territorio senza emigrare, nelle tradizioni, nei sapori e nei saperi tramandati dai loro nonni.

Tradizioni e innovazioni

Tornando alle tradizioni si riprendono i sapori di una volta.

sbecciatrice-pomodororiccio-pomodoro-legumi-fagioli-ceci-caiazzo-pianadimonteverna-caserta-agricoltura-contadini-olivecaiazzane-slowfood-cremadifagioli-prodottiautoctoni-prototti tipici-sostenibilita-biodiversita-biologico-naturale-origini

La Sbecciatrice

Gli agricoltori vengono chiamati anche custodi perché hanno protetto un tesoro fatto di sapienza che viene trasferito di generazione in generazione.

Insieme ai saperi ci sono i valori dell’onestà e del lavoro rispettoso e semplice.

<<Se fai un lavoro onesto e credi in ciò che fai, prima o poi i risultati si vedono>> Mimmo Barbiero

<<Io sono un contadino che ha scelto di innovarsi trasformando la materia prima. Amo sperimentare restando sempre fedele alla nostra filosofia>> Mimmo Barbiero

Coltivare in modo  naturale rispettando le persone e  la natura

I terreni della zona si trovano in pendenza e sono argillosi. Trattengono acqua mantenendo l’umidità e ciò rende possibile praticare l’arido-cultura.

L’agricoltura praticata è sana e naturale. Per nutrire viene utilizzato il letame e per proteggere non si usano pesticidi.

L’agricoltura naturale espone a rischi ma quando c’è una forte credenza nel rispetto dell’ecosistema ci si fida della natura e della sua clemenza. 

Progetti futuri

Il desiderio di Lino, Mimmo e Jurate è trasferire la propria vita e  l’attività in un casolare di campagna dove poter organizzare escursioni con degustazioni dei  prodotti e serate a tema.

<<Voglio creare una sala degustazione e organizzare visite in azienda ed eventi. Durante gli incontri le persone sono felici e io sono felice>> Mimmo Barbiero

sbecciatrice-pomodororiccio-pomodoro-legumi-fagioli-ceci-caiazzo-pianadimonteverna-caserta-agricoltura-contadini-olivecaiazzane-slowfood-cremadifagioli-prodottiautoctoni-prototti tipici-sostenibilita-biodiversita-biologico-naturale-origini

La Sbecciatrice

La compagna di Mimmo, Jurate Svilpaite, lituana, è laureata in Ingegneria del Design e si occupa di tutta la parte grafica e dei progetti ma anche delle olive, dei  pomodori, dei legumi e di tutto ciò che l’azienda richiede. Il logo, creato da lei, è un germoglio che nasce sulla terra: il connubio che rappresenta la vita.

Unione e collaborazione

Mimmo, Jurate, Lino, Angelo e altri amici  del territorio, sono giovani che, dopo gli studi universitari, hanno deciso di tornare nella terra natia e dedicarsi all’agricoltura.

Il loro mondo non conosce concorrenza né competizione.

Collaborano per uno scopo comune: mantenere  le tradizioni vive e custodirle per la generazione che verrà.

La resistenza da contadina diventa resistenza di un territorio, una forza comune fatta di onestà e collaborazione.

Il messaggio che i ragazzi della La Sbecciatrice condividono attraverso la filosofia della “resistenza contadina” è profondo.

Vogliono lasciare alle persone l’idea che non nasce tutto per caso ma dietro ad un barattolo che contiene un prodotto c’è qualcosa di magico, ci sono ideali, tradizioni, onestà, passione, il rispetto della biodiversità, la scelta di valorizzare il territorio e i prodotti autoctoni.

” Vince la terra che non è tormentata, vince la gola che è soddisfatta, vince la vista estatica, vince chi cucina per essere felice, vince il contadino che ha generato un mondo più dolce, partendo da una piccola, unica radice” dal blog dell’azienda  La Sbecciatrice

Un abbraccio

Namastè

Valeria

Per leggere le altre parti del racconto clicca qui ⇓

1 – www.paesaggiumani.it/origini-terra-sbecciatrice-pianadimonteverna-villasantacroce-pomodororiccio-creme-legumi-campania-caserta

2 – www.paesaggiumani.it/prodotti-autoctoni-sapori-antichi-lasbecciatrice-caiazzo-caserta-campania-legumi-pomodororiccio-ilivecaiazzane-slowfood

You may also like

Comments

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *